Acido folico, cos’è e perché è così importante

I medici esortano tutte le donne in età riproduttiva ad assumere ogni giorno 400 microgrammi (mcg) di acido folico, oltre a consumare cibo con folati, da una dieta varia, al fine di aiutare a prevenire alcuni importanti difetti congeniti del cervello (anencefalia) e della colonna vertebrale (spina bifida) nei nascituri. Ma cos’è l’acido folico?

L’acido folico è una vitamina B che il nostro corpo usa per creare nuove cellule. Pensate alla pelle, ai capelli e alle unghie: queste – e altre parti del corpo – producono nuove cellule ogni giorno. L’acido folico è la forma sintetica (cioè non presente in genere in natura) di folati che possiamo trovare negli integratori e negli alimenti fortificati come il riso, la pasta, il pane e alcuni cereali da colazione.

Detto ciò, è bene chiarire perché l’acido folico sia importante prima e durante la gravidanza. Per far ciò, rammentiamo come durante lo sviluppo iniziale, l’acido folico aiuti a formare il tubo neurale. L’acido folico è dunque molto importante perché può aiutare a prevenire alcuni importanti difetti congeniti del cervello (anencefalia) e della colonna vertebrale (spina bifida).

Per questi scopi, tutte le donne in età riproduttiva dovrebbero ottenere 400 mcg di acido folico ogni giorno per ottenere sufficiente acido folico che aiuti a prevenire alcuni difetti di nascita perché: come in parte già accennato, i principali difetti congeniti del cervello o della colonna vertebrale del bambino si verificano molto presto in gravidanza (3 – 4 settimane dopo il concepimento), e prima che la maggior parte delle donne sappia di essere incinta.

Quando si assume acido folico, una dose superiore a 400 mcg di acido folico al giorno non è necessariamente migliore per prevenire difetti del tubo neurale, a meno che un medico non ne raccomandi l’assunzione di una dose maggiore a causa di altre condizioni di salute.

L’acido folico si può facilmente trovare in qualsiasi farmacia, ed è fondamentale controllare l’etichetta sulla confezione per essere sicuri che contenga il 100% del valore giornaliero di acido folico, circa 400 mcg. In aggiunta a ciò, si può arricchire la propria dieta con cibi fortificati, consumare i folati che si trovano in alcuni tipi di pane, cereali da colazione e farina di mais e, naturalmente, parlarne in maniera approfondita con il proprio medico, per poter arrivare alla definizione di un percorso di integrazione di acido folico che sia pienamente soddisfacente sulla base delle proprie caratteristiche sanitarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.