Apple, l’iPhone spinge in alto i ricavi

Apple riesce a mandare in archivio una trimestrale che è ancora una volta sopra le attese, grazie alle buone prestazioni riscontrate nel segmento degli smartphone. in particolar modo, Apple ha archiviato il quarto trimestre dello scorso con risultati superiori alle attese, trainati dalle maggiori vendite del nuovo modello di iPhone 7.

Nel dettaglio, e partendo dall’ultima riga di conto economico, rileviamo come l’utile netto si sia attestato a 17,89 miliardi di dollari, in moderata flessione su base annua (-2,6 per cento), con il dato per azione che è risultato pari a 3,36 dollari, battendo le attese di consenso ferme a 3,21 dollari. Il fatturato è salito del 3,3 per cento a 78,4 miliardi di dollari, dopo tre trimestri consecutivi in calo, superando anche in questo caso le stime di mercato che vertevano su un valore di 77,25 miliardi di dollari. A trainare i risultati è stato soprattutto l’apporto decisivo delle vendite di iPhone, che pesano per circa il 70 per cento dell’intero business di Apple, con il prezzo medio di vendita che è salito a 695 dollari, un record trainato dal modello iPhone 7 Plus; le vendite in questo caso hanno registrato un incremento del 55 per cento raggiungendo un totale di 78,3 milioni di prodotti.

Vedremo ora nel 2017 che cosa riuscirà a fare la compagnia di Cupertino. Come sempre, molto dipenderà dal lancio dei nuovi prodotti che la società statunitense sembra avere già in serbo per i propri affezionati clienti. Non ci resta dunque che comprendere quale sarà la nuova linea di “attacco” commerciale, e quale sarà il responso dei mercati internazionali dinanzi ad essa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.