Come aprire un negozio online di prodotti alimentari?

cibo fresco

Un trend in crescita negli ultimi tempi è quello di affidare alla rete il proprio business online. Vendere online è diventato un modo per fare affari di successo, se ben corredati di una piattaforma web opportunamente congegnata e vincente sotto ogni profilo.


Fra le attività online da avviare ve ne sono diverse: gli e-shop di abbigliamento, di scarpe, di accessori, di maschere e costumi, di profumi e cosmetici, di prodotti dietetici e, non da ultimo, di prodotti alimentari. Quello dei prodotti alimentari è un business che riscuote l’interesse di molti. Sulla scia dei grandi nomi dell’e-commerce, molte piccole realtà hanno trasferito il loro commercio sul web. I prodotti tipici italiani hanno un grande appea, su questo non ci sono dubbi, poterli vendere su richiesta e online è sicuramente un grande vantaggio.


Eataly si è cimentato nella vendita online, consentendo di acquistare gli ottimi prodotti tipici anche dalla rete, anche Amazon vende cibo fresco… e sono soltanto due grandi marchi, che possono essere imitati negli intenti, anche se naturalmente le potenzialità di queste grandi aziende non possono essere replicate dalla piccola imprenditoria.

Entriamo ora nel vivo della questione e vediamo cosa serve per avviare un’attività di vendita online di prodotti alimentari.

I numeri parlano chiaro: stiamo assistendo ad un incremento notevole della vendita di prodotti e di servizi online. Certamente non è cosa semplice partire da zero considerata la concorrenza, col rischio di non avere un sito che lavora, che non genera i profitti sperati.


Per aprire un
 negozio online di gastronomia bisogna fornire un’apposita documentazione da richiedere all’Agenzia delle Entrate. Inoltre per aprire un commercio online di prodotti alimentari si dovrà richiedere l’autorizzazione sanitaria che ha dei costi e dei tempi.


Vi occorrerà un modulo per l’apertura della partita IVA inizio attività AAA9/11, la carta d’identità, la residenza, ed un Hosting.

Sarà necessario provvedere ad un bussiness plan della nuova azienda e definire tutto quello che si vuole inserire nel sito web.

Questo sito rappresenterà un negozio online di vendita di prodotti alimentari (ma potrebbe essere anche una vendita di servizi). Per farlo funzionare al meglio, potreste prevedere ad affiancarvi un blog informativo, delle pagine social e di fare della pubblicità mirata.

Tutto sta nell’avere dei prodotti che hanno una presa sugli utenti, prodotti freschi, tipici, che non si trovano ovunque. Possono essere di produzione propria, prodotti bio, che hanno tutta la convenienza della freschezza e della genuinità.


Fate un prospetto di tutte le spese necessarie, dei
 costi di spedizione, e di quelli relativi ai vari fornitori, come anche dei costi per la pubblicità, per l’hosting, per la grafica, etc…

Dopo aver definito tutto potete recarvi all’Agenzia delle Entrate e compilare il modello di inizio attività AAA9/11 che serve per richiedere la partita Iva. 

Sarà necessario specificare i codici di attività ATECO in riferimento alla tipologia di commercio online da avviare.

La differenza principale è rappresentata dalla distinzione tra ‘alimentare’ o ‘non alimentare’.


Se il vostro e-commerce è nei prodotti gastronomici sarete tenuti al rispetto di alcune regole precise che prevedono la presenza di una sede fissa con servizi a norma dettati dall’ASL di competenza.


Dopo aver aperto la partita Iva bisogna inoltrare la domanda al Comune che potrà accettare o rifiutare entro 30 giorni. Successivamente bisognerà fare l’iscrizione alla
 Camera di Commercio e all’INPS.


Dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni e aver sbrigato le pratiche, si potrà cercare una soluzione hosting adatta al proprio e-commerce. La scelta è da valutare con molta attenzione, sul web si trovano offerte molto economiche. E’ preferibile scegliere un pacchetto e-commerce completo ed automatizzato per poter gestire al meglio e nel modo più semplice la gestione degli ordini, delle spedizion, il rapporto con i clienti, con i fornitori etc…

Prefissatevi degli obiettivi e cercate di perseguirli con costanza, per ottenere risultati si deve lavorare con delle strategie che consentano di fidelizzare i clienti di farli tornare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.