Come cambiano gli acquisti in negozio con il coronavirus

annuncio pubblicitarioI tempi in cui giorni in cui si poteva passeggiare tranquillamente per le corsie dei negozi di alimentari sono finiti. I clienti si stanno invece abituando, più o meno semplicemente, alle nuove attrezzature dei negozi di alimentari: impiegati che indossano maschere, barriere in plexiglass ai registratori di cassa, corridoi a senso unico e distributori di salviette antibatteriche. Alcuni di questi diventeranno la norma. Altri svaniranno con il declino dei casi di coronavirus. Ma molti analisti prevedono che la pandemia cambierà il modo in cui i clienti riforniranno i loro frigoriferi e le loro dispense e plasmeranno le loro aspettative nei mesi o anni a venire.

Acquisti senza contatti

I negozianti di alimentari e gli altri commercianti al dettaglio hanno proposto nuovi e più ampi approcci senza contatto per fare acquisti o fare il check-out. Walmart, ad esempio, ha aggiunto una nuova funzione alla sua app per smartphone che consente ai clienti di scansionare un codice QR invece di toccare lo schermo del registratore di cassa. Anche altre app, come Apple Pay e Google Pay, consentono ai clienti di saltare il lettore di carte di credito.

Con il ritiro sul marciapiede, inoltre, i clienti possono evitare di entrare nei negozi. Alcuni rivenditori hanno rinunciato alla necessità di una firma quando le persone ritirano la spesa o ricevono una consegna a casa.

Alcuni clienti stanno optando per prodotti preconfezionati, in quanto saltano il banco della gastronomia e altre parti del negozio con un’ulteriore gestione degli alimenti – ha affermato Jill Standish, responsabile globale della vendita al dettaglio di Accenture. Ha detto anche che gli articoli da prendere e andare via abbreviano anche il tempo dei clienti nei negozi, un’altra preferenza comune.

Acquisti locali

Molto prima della pandemia, i clienti acquistavano frutta e verdura nei mercati contadini e sostenevano le imprese locali, come i negozi di formaggi. La pandemia sta accelerando questa tendenza, ha detto Scott McKenzie, il capo dell’intelligence globale di Nielsen.

Ora, ha detto, le persone gravitano ancora di più verso i prodotti coltivati o resi più vicini a casa. Pensano alle lunghe distanze che i prodotti, la carne e gli altri alimenti possono percorrere e ai confini che possono attraversare prima di arrivare al tavolo della loro cucina – e alle molte persone che possono toccarli lungo la strada. Questo fa aumentare l’interesse per gli abbonamenti a scatole e articoli agricoli con “una filiera più corta”, ha detto McKenzie. “Chiamo questo il fenomeno dell’acquisto del latte dalle mucche che si può vedere”, ha detto.

Passaggio allo shopping online

Gli acquirenti di generi alimentari hanno scaricato nuove app per la spesa e hanno provato nuovi servizi online. Queste scoperte hanno scosso le abitudini e potrebbero portare a un cambiamento significativo in un settore che è stato lento a passare al digitale.

I clienti hanno utilizzato servizi di consegna di terze parti, come Instacart, FreshDirect e Target-owned Shipt, per fare la spesa. Hanno anche ordinato online e utilizzato il servizio di ritiro sul marciapiede o all’interno del negozio presso Walmart e Target.

Secondo una ricerca della società di consulenza Bain & Company, solo il 3% o il 4% circa della spesa di generi alimentari negli Stati Uniti era online prima dell’epidemia di coronavirus. Dopo l’epidemia potrebbe aumentare fino al 5-10%, ha dichiarato Steve Caine, esperto di vendita al dettaglio e partner dell’azienda.

Personalizzazione

I commercianti cercheranno modi creativi per rafforzare le relazioni con i clienti e li invoglieranno ad aggiungere qualcosa in più ai loro cestini virtuali, dato che sempre più clienti fanno acquisti online oltre che in negozio.

I dipendenti che evadono e imbustano gli ordini online nei negozi diventeranno sempre più importanti e potrebbero diventare un vantaggio competitivo per i rivenditori, ha affermato Eiko Kawano, un direttore di esperienza di gruppo per la società di consulenza digitale Publicis Sapient.

I negozianti potranno utilizzare i dipendenti come ambasciatori del marchio e venditori suggestivi, ha detto. I negozi potrebbero chiedere ai selezionatori di caricare una foto o un breve profilo e permettere ai clienti di valutare i selezionatori come gli autisti di Uber e Lyft. Attraverso una combinazione di relazioni personali e algoritmi, lo shopper o il picker potrebbe personalizzare gli ordini dei clienti raccomandando un articolo. E potrebbe anche spingere i clienti verso articoli con margini più elevati e acquisti discrezionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.