Come valutare un pronostico della Serie A

scommesseSalve amici scommettitori e benvenuti a questa breve guida su come valutare un pronostico della Serie A. Nel nostro Paese il maggior numero di giocate su eventi sportivi calcistici sono riguardanti la Serie A. Milioni di giocatori ogni fine settimana tentano la fortuna compilando, speranzosi, le proprie schedine con partite riguardanti il nostro amatissimo campionato. Non c’è che dire, per noi italiani la domenica ha tutto un altro gusto, durante l’anno, quando c’è la Serie A.

Buona parte di questi milioni di scommettitori, in particolare coloro che utilizzano internet, sono soliti consultare i pronostici Serie A online e dobbiamo dire che si tratta proprio della cosa giusta da fare: solo avvalendosi di ciò che viene pronosticato da esperti del settore puoi avere a disposizione un quadro chiaro della situazione delle squadre che scenderanno in campo e quindi indirizzare al meglio la tua giocata.

Ma come valutare un pronostico della Serie A? Un pronostico vale l’altro oppure è necessario che siano presenti certe peculiarità che rendano una previsione più precisa, più attendibile, e quindi, ci auguriamo, più vincente?

Segui i pronostici Serie A, ma solo i migliori

Fare pronostici è un po come una forma d’arte, e non pensare che sia esagerato pensarla così. Ci vuole una buona dose di talento per interpretare bene i dati statistici riguardanti una partita, ma anche una sorta di fiuto per capire quale sia la giocata giusta da proporre. Queste doti sono necessarie proprio perchè il betting, non è certo una scienza esatta.

Quello delle scommesse è un campo dove di rado 2+2 fa 4, non sempre il più forte vince contro il più debole, anzi il bello del calcio risiede molto spesso nella sua imprevedibilità. Nonostante ciò un po di matematica è assolutamente necessaria all’interno dei tuoi pronostici Serie A di fiducia. La statistica è fondamentale per capire quale sia l’attuale stato di forma delle squadre coinvolte nella sfida e per capire, quindi, quale direzione potrebbe prendere la partita. Ecco alcuni esempi di dati statistici da tenere sott’occhio prima di giocare:

  • Rendimento casalingo della squadra di casa

  • Rendimento in trasferta della squadra ospite

  • Attuale posizione in classifica delle squadre

  • Numero di gol fatti/subiti dalle squadre

  • Rendimento nelle ultime 5 giornate

  • I precedenti recenti tra le due squadre

Generalmente, una volta sviscerata questa serie di dati, il pronostico deve contenere una valutazione dei dati in questione, quanto più oggettiva possibile. Solo al momento della scelta dei risultati e delle quote il pronosticatore deve veramente sbilanciarsi e dare il proprio personale giudizio.

Il pronostico è una guida non la legge

Il fatto è che tu non sei chiamato a prendere per oro colato quello che hai letto. Si presuppone che chi ti offre il pronostico sulla Serie A sia un esperto di calcio, ma non per questo ogni quota proposta da lui sarà vincente! Non è detto che tu debba essere d’accordo con la sua interpretazione dei dati, una volta letto il pronostico, se, basandoti sempre sui dati oggettivi offerti, tu pensi che le cose possano andare diversamente fidati del tuo fiuto e scommetti di conseguenza.

Per approfondimenti clicca su: pronostici professionali sulla serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.