Cosa sono i filamenti sebacei e come contrastarli

I filamenti sebacei sono piccoli tubi cilindrici presenti nei pori, di colore giallo biancastro, spesso confusi con i punti neri. In realtà, però, i punti neri sono un tipo di acne “ossidata”, e non sono certo assimilabili a questi filamenti, che hanno come effetto quello di sembrare più “grandi” i tuoi pori, tanto che potresti essere tentato di rimuoverli pizzicandoti la pelle o usando strisce apposite per la loro rimozione.

Stai però attento: questi metodi possono avere più effetti collaterali che benefici per la tua pelle, specialmente se non agisci correttamente.

Con un errato uso dei trattamenti contro i filamenti sebacei potresti ad esempio andare incontro a condizioni di irritazione, infezione, secchezza, rossore, peeling e tanto altro ancora. Come fare, allora?

In linea di massima, preparazioni topiche contenenti retinolo o retinoidi possono aiutare a mantenere i pori puliti e sani. È inoltre possibile trovare dei benefici nel massaggiare il viso con olio minerale o di ricino per un minuto. Un altro modo per rimuovere i filamenti sebacei è usare uno strumento di estrazione: un piccolo strumento di metallo, con un cerchio alla fine, sorto appositamente per questo motivo.

Ad ogni modo, il metodo più sicuro è quello di fare rimuovere un estetista o un dermatologo per te, anche se puoi farlo anche a casa iniziando con il pulire il viso, premendo delicatamente il cerchio attorno al poro per vedere se esce il filamento (fai attenzione perché una pressione eccessiva può causare lividi e cicatrici) e trattare l’area con idratante subito dopo.

Disinfetta sempre il tuo strumento di pulizia con alcol denaturato prima e dopo l’uso per prevenire le infezioni. Potresti anche ottenere ulteriori benefici applicando il perossido di benzoile dopo il lavaggio, prima dell’estrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.