Cos’è la dieta intuitiva?

La dieta intuitiva continua a macinare aficionados in tutto il mondo ma… cos’è?

Sostanzialmente, si tratta di un modo di pensare il mangiare che ti riporta all’infanzia, quando potevi (o speravi di) mangiare quello che volevi, per tutto il tempo che desideravi e fino a quando eri sazio.

Forse non era proprio il modo migliore per potersi nutrire ma, secondo i seguaci della dieta intuitiva, era certamente il modo per essere più felici. Ed essere più felici ti aiuterà a vivere più a lungo.

Secondo quanto affermano i seguaci della dieta intuitiva, si tratta di un contraccolpo alla cultura alimentare, un invito ad abbandonare un sistema di dieta “tossico”. Considerato che i dati più recenti dimostrano che il 95% delle persone che seguono una dieta non riescono a farlo, e se ci sono riusciti e hanno perso peso, due terzi di loro recuperano ancora più peso nei mesi successivi, ne deriva che l’unica alternativa è iniziare a fidarsi del corpo e sentire la libertà e il piacere del cibo che ne consegue.

Stando ai ricercatori che stanno supportando tale dieta, il meccanismo scientifico alla base dell’alimentazione intuitiva si chiama “consapevolezza interocettiva“, ovvero la capacità di percepire le sensazioni fisiche che nascono all’interno del corpo.

Il mangiare intuitivo è in realtà istinto, emozione e pensiero – affermano i ricercatori. È l’istinto, la fame, la pienezza. Quello che ci piace, quello che non ci piace. Ma si controllano anche le emozioni e i pensieri, perché le distorsioni cognitive, i miti della dieta che sono nella nostra cultura, possono influenzare il nostro mangiare.

A supporto di tali valutazioni, il fatto che le persone che hanno un punteggio elevato nell’alimentazione intuitiva hanno anche un maggiore apprezzamento del proprio corpo, si divertono a mangiare meglio, hanno un’alimentazione meno disordinata.

Insomma, la soddisfazione è il veicolo per far sì che si decida di iniziare a mangiare quando si è comodamente affamati, piuttosto che non avere affatto fame. E questo è un principio chiave nell’alimentazione intuitiva – rifiutare la cultura della dieta “tossica” che dice che bisogna guardare in un certo modo per essere una persona accettabile degna di amore e di accettazione.

Lo stigma del peso, che fa parte della cultura dietetica, dice fondamentalmente che c’è qualcosa di sbagliato in te se non sei conforme a quell’ideale culturalmente magro. Ma cosa succede se il proprio DNA è programmato per essere in un corpo più “grande”? Succede che diventa crudele e tossico dire alle persone che hanno bisogno di restringersi per conformarsi – affermano i sostenitori di questa dieta.

E tu che ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.