Cos’è la due diligence?

computer da lavoroI professionisti definiscono la due diligence come un’indagine o un controllo di un potenziale investimento consumato da un potenziale acquirente. L’obiettivo è quello di confermare l’accuratezza delle informazioni del venditore e valutare il suo valore.

Queste indagini sono tipicamente intraprese da investitori e aziende che considerano accordi M&A. Altre situazioni possono essere acquirenti e venditori che cercano di determinare se l’altra parte ha beni sostanziali per completare l’acquisto. Può essere un obbligo legale o volontario. L’ampiezza e la grandezza dell’indagine varia da situazione a situazione.

Generalmente, i termini legali in un contratto o altri accordi di acquisto esprimono le specifiche della transazione. Questi possono includere la durata del periodo di indagine, gli elementi da esaminare e la data di scadenza.

I compiti di audit sono soggetti a varie contingenze situazionali. Includono tipicamente la revisione dei registri finanziari, la valutazione delle attività e delle passività, e la valutazione delle operazioni o delle pratiche commerciali.

La due diligence intrapresa nelle fusioni e acquisizioni è vigorosa, lunga e complessa. Un’indagine incompleta o impropria è in realtà uno dei principali responsabili del fallimento delle M&A. Pertanto, è fondamentale per le aziende indagare attentamente i potenziali investimenti e capire il vero valore del business. Un’azienda potrebbe altrimenti sprecare una grande quantità di beni preziosi e di tempo per completare la transazione.

La reasonable diligence si riferisce al concetto che non ci sono due situazioni o transazioni identiche e dovrebbero essere trattate di conseguenza. Per esempio, in M&A non ci sono due aziende con lo stesso capitale, attività, passività, pratiche o rischio. Pertanto, gli elementi che sarebbero considerati ragionevoli da esaminare minuziosamente per un’azienda potrebbero non essere applicabili a un’altra.

Gli usi iniziali della frase risalgono alla metà del 1500. Il significato di due diligence qui si riferisce allo “sforzo necessario”. Da allora, è cresciuta dall’uso quotidiano per incapsulare connotazioni legali, d’affari e d’investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.