Giornata di spunti per le big italiane in Borsa

soldi pioggiaGiornata ricca di spunti per le big italiane in Borsa Italiana. Cominciamo da Eni, il cui amministratore delegato ha dichiarato che la produzione di greggio nel gigantesco giacimento di Kashagan, in Kazakistan, comincerà a novembre, quindi in leggero ritardo rispetto al mese di ottobre indicato in precedenza.

Novità anche per Leonardo Finmeccanica, che ha dichiarato di aver stipulato con il Ministero della Difesa algerino un accordo che prevede la costituzione di una società per la produzione di elicotteri. Per quanto invece concerne Snam, la società italiana è interessata a rilevare il 49% di Gas Connect Austria controllata dal colosso austriaco dell’energia Omv che a breve dovrebbe decidere per l’assegnazione. In gara restano Snam in tandem con Allianz, gli australiani di Macquarie e la ceca Eph. Secondo fondi di stampa (Il Sole 24 Ore) l’aggiudicazione sarebbe attesa per fine mese.

Per quanto concerne il settore bancario, secondo alcune fonti di stampa (principalmente, il quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore di sabato) si sarebbe ridotta a cinque la corsa all’acquisto di Pioneer dalla banca di Piazza Cordusio. L’AD, Jean-Pierre Mustier avrebbe incaricato l’adviser JPMorgan di portare avanti i contatti solo con: Allianz, Banca Generali, Poste, Amundi e Macquarie.

Proseguono intanto i lavori preparatori per il cambio al vertice di Monte dei Paschi di Siena, dopo l’abbandono dell’ex amministratore delegato Viola. Il cambio non dovrebbe comunque comportare modifiche nei piani di salvataggio della banca, concordati con la Banca centrale europea. Nei prossimi giorni dovrebbe esservi l’ufficializzazione del cambio e, soprattutto, il riscontro da parte dell’istituto monetario in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.