Guida al campeggio: ecco cosa bisogna portare

campeggioChi ha detto che settembre non è il mese adatto per andare in vacanza? Certo, il tempo può riservare brutte sorprese, ma non esiste nulla che vieti di organizzare le proprie ferie last minute in modo economico, e soprattutto leggero. Il campeggio, a questo proposito, è un’idea da tenere in considerazione.

Siamo abituati ad associare l’idea del campeggio alla montagna. In realtà, i camping sono ormai sparsi in tutta Italia, e in generale nelle più grandi città del mondo. Se si decide di organizzare una trasferta in tenda, pèrò, è opportuno chiedersi se si è in grado di sopportare un periodo di ferie on-the-road.

Già, perchè il campeggio comporta sicuramente una parte di improvvisazione (la meta la si può scegliere per strada, e senza programmare le soste), e una parte di grande organizzazione: quando si parte, infatti, si deve avere in macchina tutto l’occorrente per accamparsi in mezzo ai boschi, oppure per “soggiornare” in modo comodo in una piazzola autorizzata.

Cosa bisogna, quindi, portare, se si decide di affrontare una vacanza in tenda? Oltre a quest’ultima (che, evidentemente, è indispensabile) servono materassi gonfiabili, un telo cerato, dei sacchi a pelo, degli spray contro gli insetti, delle stoviglie (e delle bacinelle per lavarle), e tutto il necessario per il bagno.

Se vi state domandando a cosa serve il telo cerato, la risposta è semplice: per evitare di venire a stretto contatto con l’umidità della terra il sacco a pelo non è di sicuro sufficiente. Il telo cerato, invece, isola prontamente la tenda dal suolo.

Attenzione, poi, al tipo di camping che scegliete per le vostre soste: se sono di medie e grandi dimensioni non correrete certo problemi, e troverete barbecue e accessori vari. Tuttavia, se siete in un campeggio relativamente piccolo, vi consigliamo di portarvi dietro anche i fornellini per cucinare.

Ora non vi resta che godervi le vostre amate vacanze in tenda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.