Italia, cala la produzione nelle costruzioni

In Italia gli ultimi dati forniti dall’Istat ci informano che la produzione nel settore delle costruzioni è calata decisamente a gennaio, in misura pari a -3,8 per cento mese su mese dopo l’aumento dei due mesi precedenti (+1 per cento su base mensile a dicembre 2016 e +2 per cento su base mensile a novembre 2016). Sul dato, come per la produzione industriale, gli analisti ritengono che abbia impattato negativamente la distorsione legata alla distribuzione delle festività, a cui si sono aggiunte le difficili condizioni meteorologiche in molte parti del Paese.

Complessivamente, spostandoci dal confronto su base mensile a quello su base annua, emerge come l’output sia rimbalzato in termini grezzi a +1,5 per cento anno su anno da -3,3 per cento anno su anno del mese di dicembre, ma è contestualmente crollato a -5,2 per cento anno su anno, da zero precedente, se corretto per il numero di giorni lavorativi (21 contro i 19 del gennaio 2016): si tratta di un minimo da oltre due anni.

Il dato lascia in tal modo l’andamento della produzione nel trimestre in rotta per un calo di -2,5 per cento, dopo aver riscontrato un altro calo, ma più lieve e pari a -0,9 per cento trimestre su trimestre, nel periodo precedente. Tuttavia, è possibile un rimbalzo a febbraio e marzo, per via sia del rientro degli effetti una tantum di cui sopra che del trend di ulteriore ripresa della fiducia delle imprese del settore.

Non ci rimane dunque che comprendere come si evolveranno i dati statistici in relazione a tale elemento macro economico. Le sorprese positive non dovrebbero mancare, già a partire dalla prossima pubblicazione prevista tra poche settimane, e soprattutto in quella successiva, relativa all’aggiornamento al mese di marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.