La lavorazione dei metalli: le operazioni di finitura

metalmeccanicoTra le piccole e medie imprese italiane una buona parte si occupa di finitura di pezzi prelavorati, soprattutto per quando riguarda le aziende metalmeccaniche, come ad esempio la Bosaia Luigi e Figli. Queste aziende hanno un ruolo fondamentale all’interno del processo produttivo che porta a trasformare del materiale ferroso in un’apparecchiatura perfettamente funzionante. In particolare si tratta di rifinire i pezzi preparati da altri, per renderli assemblabili, in modo da giungere al pezzo finito.

Quali lavorazioni

Un pezzo in metallo uscito da una pressa mostra una serie di difetti, che lo rendono comunque idoneo a svolgere il suo compito. Per poterlo però utilizzare al meglio è necessario rettificarlo, ossia il controllo e la modifica di ogni singola parte che lo compone, in modo da renderlo perfettamente identico al progetto tramite cui è stato prodotto. La rettifica passa attraverso varie fasi, che dipendono anche dalle forme del singolo pezzo. Se ci sono dei fori o degli spazi tondeggianti, questi andranno alesati, ossia si dovrà perfezionare la circolarità dello spazio e correggerne la posizione e la forma. Oltre a questo un’azienda di lavorazione dei metalli si occupa anche di forare le superfici, secondo quanto richiesto dal cliente, cos’ come di filettare e fresare le superfici dei fori e quelle piane. Al termine di queste lavorazioni i pezzi potranno essere puliti, per poi passare al montaggio finale.

La tornitura

Molte piccole e medie imprese che si occupano di lavorazione dei metalli si occupano anche di tornire dei pezzi. Si tratta di una lavorazione che permette di produrre un pezzo partendo da un cilindro, rimuovendo il materiale in eccesso tramite un tornio, fino ad ottenere la forma desiderata. Il pezzo esce dal tornio già perfettamente finito, con una superficie liscia e priva di sbavature. Quindi con il tornio si producono pezzi che non necessitano di essere rettificati.

Le macchine a controllo numerico

Un tempo buona parte delle lavorazioni meccaniche su oggetti in metallo venivano svolte a mano, utilizzando lime e raspe di varia forma. Oggi la maggior parte di queste lavorazioni sono svolte sfruttando le macchine a controllo numerico. Si tratta di macchinari che possono montare diversi utensili, totalmente guidati da un’interfaccia computerizzata. L’addetto alla macchina non deve effettivamente lavorare sul pezzo, la sua professione consiste piuttosto nella programmazione corretta della routine di lavoro del macchinario di cui si occupa. Questo tipo di lavorazione ha permesso di raggiungere una precisione inimmaginabile quando si svolgevano le lavorazioni a mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.