La sicurezza sul lavoro

lavoro sicurezzaLe vigenti leggi sulla sicurezza sul lavoro obbligano le aziende a fornire ai loro dipendenti formazione per quanto riguarda la sicurezza e la salute sul lavoro.

A chi si rivolge

Nel 2012 lo Stato e le Regioni hanno siglato un accorto per quanto riguarda la sicurezza e la salute sul lavoro. Secondo l’articolo 37 de dlgs 81/08 è obbligatorio per la gran parte delle aziende provvedere alla formazione dei loro dipendenti su questo argomento. In particolare tale norma si applica a tutte le aziende che abbiano soci o dipendenti; restano fuori dall’obbligo i collaboratori familiari. Ogni dipendente, anche quelli a tempo determinato o i collaboratori atipici devono ricevere una formazione generale della durata di 4 ore, più una formazione specifica secondo le esigenze del settore di appartenenza dell’azienda.

Come funziona

All’atto dell’applicazione della legge la maggior parte delle aziende si sono adeguate, effettuando nell’arco di breve tempo dei corsi di formazione riguardanti la sicurezza e la salute sul lavoro ai loro dipendenti. Non occorre che tale formazione si ripeta nel tempo: una volta che un dipendente ha effettuato il corso base e quello specifico, si ritiene che sia a conoscenza delle norme di sicurezza per tutto il periodo in cui lavorerà in azienda. Per i nuovi assunti è necessario invece ripetere la formazione, entro i 60 giorni dall’assunzione. Tipicamente le aziende demandano tali corsi ad organizzazioni esterne, dove periodicamente si tengono corsi dedicati alla prevenzione degli incidenti sul lavoro, alla sicurezza ed alla salute sul posto di lavoro. In queste strutture si tengono sia i corsi base, della durata di 4 ore, sia i corsi avanzati, suddivisi secondo le diverse tipologie di azienda: a basso rischio (8 ore), a medio rischio (12 ore) e al alto rischio (16 ore).

Cosa avviene se non si effettuano i corsi

 

Gli obblighi di formazione dlgs 81/08 gravano totalmente sul datore di lavoro. Costui è tenuto ad informare i suoi dipendenti sulla necessità di seguire i corsi ed a pagare le quote di iscrizione e di frequenta. Nel caso di incidenti sul lavoro per dipendenti che non abbiano seguito gli specifici corsi di formazione è possibile che il datore di lavoro sia punibile con multe valutate caso per caso. Ogni volta che il dipendente cambia di mansioni, viene trasferito in altro impianto con diverse condizioni lavorative o si cominciano ad utilizzare macchinari o attrezzature di tipo diverso è necessario che il datore di lavoro verifichi la necessità di fornire al dipendente specifico addestramento o la partecipazione ad ulteriori corsi di formazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.