Mal di denti: cos’è e quali sono le sue cause

Un mal di denti è un dolore che si verifica all’interno o intorno a un dente. Il dolore proviene dal dente o dalle strutture gengivali e ossee circostanti, e di solito viene percepito come un dolore costante o intermittente, che non scompare nel tempo (ma peggiora). Le variazioni di temperatura, come l’esposizione a bevande fredde, o la pressione sul dente durante la masticazione, possono stimolare il mal di denti. In altri casi, il dolore dentale può insorgere spontaneamente senza stimolazione.

Ma cosa causa il mal di denti?

Le determinanti sono numerose. Si pensi alle lesioni o ai traumi al dente o alla zona circostante, come la carie. Le persone di solito avvertono la carie solo se è profonda negli strati della struttura dentale, una volta che la stessa ha penetrato lo smalto, lo strato duro ed esterno del dente. Una carie profonda che si avvicina alla polpa causerà probabilmente dolore, e proprio per l’importanza di intercettare le carie anzitempo è fondamentale sottoporsi a una periodica visita di controllo dal dentista.

Altra causa del mal di denti è una frattura o un danno al dente: a volte le fratture non sono evidenti, anche se la linea di frattura può penetrare in profondità nel dente, causando dolore dentale ogni volta che si fa pressione su di esso con il morso o con la masticazione. È anche possibile che il mal di denti appaia dopo esser stati dal dentista per un’otturazione o per una corona. In questi casi il dente può diventare più sensibile, ma il fenomeno è temporaneo.

I denti possono far male anche se si soffre di bruxismo, ovvero della tendenza (per stress o altro) a digrignare e stringere i denti. Anche le infezioni gengivali o le malattie gengivali possono favorire il mal di denti: si pensi alle gengiviti.

Non tutti sanno, poi, che siccome le radici dei molari superiori sono molto vicine alle cavità del seno mascellare, l’infiammazione delle cavità del seno nasale (sinusite) può causare anche la sensibilità e la sensazione di mal di denti.

Infine, si può soffrire di mal di denti a causa del terzo molare, o dente del giudizio, gli ultimi denti permanenti che appaiono in bocca. Il più delle volte, non c’è abbastanza spazio per questi molari e, come risultato, rimangono completamente o parzialmente intrappolati all’interno dell’osso mascellare e sotto la gengiva. A causa della scarsa accessibilità, è difficile pulire correttamente i terzi molari parzialmente esposti; pertanto, queste aree sono soggette a numerosi problemi che possono causare dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.