Polkadot, cos’è e come funziona

4 business-1839876_1920Polkadot è una rete multi-catena sicura, scalabile e decentralizzata, costruita con Substrate.

Questo framework permette la creazione di blockchain compatibili e costruite ad hoc, composte da componenti personalizzati o pre-costruiti. Polkadot mira ad abilitare un web completamente decentralizzato in cui gli utenti hanno il controllo, fornendo un protocollo di interoperabilità che scala la rete usando segmenti o shard. Collega catene private, reti pubbliche e oracles, abilitando un nuovo tipo di web in cui blockchain indipendenti possono scambiarsi dati e transazioni in modo incoerente.

La moneta token nativa della rete Polkadot si chiama DOT e la sua unità più piccola si chiama Planck. Consente pagamenti, governance di rete, incentivi di ricompensa, commissioni di transazione e altri processi di vincolo – in cui i token vengono bloccati come parte del collegamento di nuove catene alla rete Polkadot o assumendo un altro ruolo nell’ecosistema. DOT, a differenza della maggior parte delle altre criptovalute, ha una fornitura illimitata al fine di incentivare la rete. Si regola dinamicamente in base ai tassi di partecipazione degli utenti, aumentando fino al 10% all’anno.

Come funziona Polkadot?

Polkadot permette di trasferire fondi da un portafoglio digitale ad un altro usando un sistema di crittografia a chiave pubblica e privata. L’hash della chiave pubblica è l’indirizzo che si usa per ricevere fondi e la chiave privata funziona come una password, autorizzando e trasmettendo le transazioni alla rete. Le transazioni in sospeso vengono confermate in un blocco di transazioni ogni sei secondi e i blocchi insieme formano la blockchain di Polkadot.

Naturalmente, Polkadot fornisce servizi molto più ampi che la sola possibilità di inviare e ricevere denaro. Polkadot è infatti una rete sharded multi-catena coordinata da una catena centrale Relay e può elaborare dati e transazioni su più catene simultaneamente, note come Parachains.

La rete è divisa in segmenti individuali, o shard, dalla sua architettura sharded, aumentando il throughput delle transazioni permettendo di elaborarle in parallelo su ogni shard piuttosto che in modo sequenziale sull’intera rete come nelle precedenti generazioni di blockchain. Più parchains possono quindi collegarsi a Polkadot, beneficiando della sicurezza della rete, migliorando significativamente la scalabilità, l’interoperabilità e la funzionalità cross-chain ed eliminando la congestione, le tariffe elevate e l’incompatibilità delle blockchains legacy.

Polkadot gestisce gli aggiornamenti automaticamente e senza hard fork, grazie ad un sistema di governance gestito dai titolari di token nativi di DOT. Utilizza un meccanismo di consenso Nominated Proof-of-Stake (NPoS) per coordinare la rete, premiando gli utenti che bloccano i token DOT in un processo conosciuto come staking, piuttosto che gli incentivi di ricompensa per il mining offerti dalle blockchain Proof-of-Work come Bitcoin.

Gli staker che desiderano mantenere l’intera rete possono gestire un nodo Validator, i Collator su Polkadot mantengono i nodi Parachain, i nodi Fishermen sorvegliano la rete e i titolari di DOT possono puntare gettoni per partecipare come Nominator, sostenendo fino a 16 Validator come candidati con la loro quota.

I Validatori creano nuovi blocchi, convalidano i blocchi Parachain e ne assicurano la finalità.

Chi sono i fondatori di Polkadot?

Polkadot, progetto di punta della Fondazione Web3, è stato co-fondato da Gavin Wood, già uno dei co-fondatori originali di Ethereum ed ex CTO della Fondazione Ethereum. Ha aiutato a sviluppare il linguaggio di programmazione Solidity di Ethereum. Wood è anche il CEO di Parity Technologies, l’azienda di infrastrutture blockchain che ha creato Parity. È uno dei clienti Ethereum più popolari della rete. Wood lavora anche attivamente allo sviluppo di Polkadot e Substrate contemporaneamente. Thiel Robert Habermeier e Peter Czaban, direttore tecnologico della Fondazione Web3, si sono uniti a Wood nel co-fondare Polkadot. Il whitepaper originale è stato pubblicato nel 2016 e un anno dopo, dopo una raccolta fondi di successo da 145 milioni di dollari, Polkadot ha lanciato la sua mainnet iniziale a maggio 2020.

La Fondazione Web3 ha gestito la governance della rete durante questa prima fase di Proof-of-Authority (PoA), mentre i Validatori hanno iniziato ad unirsi alla rete per partecipare al consenso. Una volta che Polkadot ha avuto un grande insieme decentralizzato di Validatori sulla rete, la seconda fase Nominated Proof of Stake (NPoS) fu lanciata a giugno dello stesso anno. A questo punto la governance era stata delegata ai titolari di token DOT. Non era più sotto il controllo di un’entità centralizzata, con il primo atto che consentiva l’inserimento del DOT in liste di scambio e il supporto di un portafoglio. Il token DOT è stato poi ridenominato con un rapporto di 1:100, in coincidenza con una forte ascesa che ha visto DOT entrare per la prima volta nella top ten delle criptovalute per market cap. Il lancio della mainnet è stato costruito sul successo della sua rete sorella, Kusama, una rete canaria e un banco di prova dal vivo per la tecnologia e le funzionalità di Polkadot, compreso il suo token nativo KSM, nel 2019. Il testnet Parachain di Polkadot, Rococo, è stato poi lanciato nel 2020, segnando un passo in avanti importante verso l’implementazione della funzionalità Parachain. Polkadot è passata alla fase successiva di sviluppo dell’infrastruttura di base, incluso il rollout delle aste Parachain, Parathreads e il passaggio di messaggi cross-chain. Diventerà quindi una Relay Chain completamente funzionale, fornendo sicurezza tramite NPoS e coordinando l’intero sistema, incluso Parachains.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.