Spray al peperoncino: come usarlo al meglio

Lo spray al peperoncino è una delle ultime armi da difesa acquistabili in commercio. Grazie al decreto ministeriale n.103 di maggio 2011, questa piccola bomboletta può salvarci in situazioni estreme di pericolo. Tuttavia, in fase di acquisto, bisogna fare attenzione ad alcuni dettagli.

Lo spray al peperoncino contiene al suo interno un estratto dal peperoncino di Cayenna. Questo, però, non deve superare il 10% del contenuto, e la bomboletta non può essere superiore ai 20 ml. Non solo: in commercio troviamo due spray differenti, e con due getti ben distinti.

Il primo è a getto balistico: si tratta di un getto preciso e diretto. In caso di vento non avremo ritorni in faccia, ma prima di utilizzarlo è bene allenarsi a casa. Lo spray a getto conico, invece, è nebulizzato e permette di colpire più persone contemporaneamente.

Purtroppo, in caso di vento, anche la vittima potrebbe risentire degli effetti dello spray. Per utilizzarlo correttamente bisogna posizionare le tre dita, e il pollice, lungo la bomboletta, mentre l’indice preme l’erogatore.

Inoltre, quando si esce, è opportuno tenere lo spray in una zona di facile accesso, ed immediata. Una volta vaporizzato il getto, la vittima ha circa 20 minuti di tempo per fuggire e salvarsi. Già, perchè è questa la durata dello spray al peperoncino.

Inoltre, l’aggressore per quel lasso di tempo avrà difficoltà respiratorie e di movimento, e non riuscirà a vedere niente e nessuno di fronte a sè. L’effetto, quindi, ha una durata di circa 20 minuti: un tempo utile per la fuga, e per chiamare aiuto.

Ricordatevi di controllare la bomboletta spray: deve essere integra in fase di acquisto, e  deve avere una sicura di emergenza in caso di manovre involontarie. Infine, un’ultima informazione: lo spray può essere acquistato ovunque. Su internet, in armeria o nei centri commerciali. Tuttavia, è vietata la vendita a ragazzi con età inferiore ai 16 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.