Tutto ciò che occorre sapere sull’outsourcing

ditta lavoroL’outsourcing è un termine che è stato lanciato sulla scena intorno agli anni Ottanta e non significa altro che “esternalizzazione”: rappresenta, in sostanza, un processo tramite il quale una determinata azienda affida a terzi l’elaborazione di una data attività, sia essa la prestazione di un servizio o la produzione di un particolare bene. Un’azienda, quindi, ricorre all’outsourcing per affidare ad uno o più partner (outsourcer) alcune parti della propria attività. Col passare degli anni sono sempre più le realtà che, per ottimizzare i costi e per elevare al massimo la qualità dei prodotti o dei servizi resi all’utente, hanno deciso di esternalizzare alcune fasi del loro processo produttivo.

Insomma, attualmente non è più una rarità avere a che fare con fenomeni quali l’outsourcing alberghiero, l’outsourcing tecnologico, l’human outsourcing (esternalizzazione delle risorse umane), l’infrastructure outsourcing (esternalizzazione delle infrastrutture) e così via. Oggi come oggi esistono decine di tipologie di outsourcing ed il fenomeno è così radicato che qualsiasi atto della nostra quotidianità alla fine è un esempio concreto di esternalizzazione: la piccola azienda che si rivolge al commercialista per il mantenimento della propria contabilità, di fatto, sta esternalizzando; il produttore di cioccolatini che decide di affidare ad un’azienda terza la realizzazione della confezione sta anch’esso esternalizzando una parte del suo processo produttivo.

Ma per quali motivi l’outsourcing è così in voga? Come abbiamo già accennato, per un’azienda decidere di esternalizzare questo prodotto o quell’attività può voler dire ingenti risparmi economici (ad esempio sugli investimenti necessari per affittare i macchinari da lavoro e per assumere dell’altro personale). Ma è anche e soprattutto sinonimo di maggior qualità, poiché si affida ad un partner la produzione di un bene per il quale è fondamentalmente specializzato.

Alla fine, dunque, il concetto della migliore qualità al minor costo non è solo parte integrante del mondo dei consumatori: anche i produttori, per forza di cose, finiscono col prendere per buona questa autentica lezione di mercato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.