Vaccini, presto si faranno con i cerotti?

Avete paura delle siringhe e proprio per questo motivo evitate di vaccinarvi? Ebbene, ben presto potrete dire addio a questo alibi, poiché vaccini antinfluenzali & co. potranno essere effettuati con dei cerotti con microaghi, sperimentati – con successo – dal Georgia Institute of Technology insieme alla Emory University di Atlanta.

In particolare, per la ricerca sarebbero stati utilizzati cerotti dalla grandezza di una monetina, su cui vengono montati circa 100 microaghi solubili in acqua, e lunghi abbastanza da penetrare nella pelle.

Stando a quanto affermato su The Lancet da Mark Prausnitz del Georgia Institute of Technology, “la nostra cute è un organo di immuno-sorveglianza, essendo la prima interfaccia con l’esterno, per cui è ben attrezzata per riconoscere i patogeni e montare una risposta contro di loro”. Il vaccino viene pre-caricato nei microaghi e viene rilasciato entro cinque minuti, nel momento in cui la punta degli aghi di dissove. A quel punto il patch viene tolto, come un normale cerotto.

Per il momento, i test – effettuati su un centinaio di volontari – hanno offerto risultati positivi. Suddivisi in quattro campioni, i volontari sono stati vaccinati con iniezioni intramuscolari standard, mentre ad altri è stato applicato al cerotto, ad altri è stato applicato un cerotto con placebo, altri ancora hanno applicato da soli il patch. Ebbene, il primo dato – particolarmente importante – è relativo alla sicurezza del cerotto, considerando che non vi sono stati elementi avversi di rilievo, salvo un 40 per cento che ha avuto un eritema nell’area di applicazione, e l’82 per cento che ha avvertito del prurito (in entrambi i casi, i sintomi sono scomparsi in due giorni).

Risulta più di interesse scoprire invece che il vaccino con cerotto è stato estremamente efficace, e che presto, in futuro, ci si potrà medicare da soli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.