American Express, altra trimestrale sopra le attese

American Express ha chiuso la prima trimestrale dell’anno con un livello di utili sopra le attese degli analisti, contribuendo in tal modo a dipingere molto positivamente il quadro della stagione delle trimestrali dei grandi gruppi finanziari americani. Più nel dettaglio, il gruppo a stelle e strisce ha affermato di aver posto a termine il trimestre con un utile di 1,2 miliardi di dollari, in flessione del 13 per cento rispetto a 1,4 miliardi di dollari del medesimo periodo dell’anno precedente, che inoltre comprendeva alcune partnership attualmente non più in essere.

Per quanto concerne la parte alta del conto economico di periodo, American Express ha reso noto come i ricavi si siano attestati a quota 7,9 miliardi di dollari, in calo del 2 per cento anno su anno, ma a parità di perimetro ed escludendo l’impatto del cambio risultano in crescita del 7 per cento, grazie a una maggior spesa tramite carte di credito da parte dei consumatori.

Anche alla luce del dettaglio di cui sopra, non bisogna comunque dimenticare come i risultati abbiano sempre superato le attese degli analisti, che stimavano ricavi pari a 7,8 miliardi di dollari e un utile per azione pari a 1,28 dollari, rispetto a 1,34 dollari conseguiti. A crescere in maniera molto significativa sono state anche altre poste economiche e patrimoniali, come ad esempio gli accantonamenti per perdite su crediti.

Sul fronte degli indicatori di redditività, rileviamo infine che il ROE della compagnia ha raggiunto il 25,1 per cento, rispetto al 23,6 per cento dello scorso esercizio, con un lieve calo che tuttavia non sembra pregiudicare il buon momento della redditività della gestione caratteristica di uno dei big del mondo dei sistemi di pagamento attraverso carte di credito, insieme a Visa e a Mastercard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.