Come iniziare a fare trading con i CFD

Iniziare a fare trading con i CFD è tecnicamente semplice, ma non viene raccomandato fino a quando il trader non avrà studiato a fondo come funziona l’investimento in contratti per differenza, come si fa e i mercati su cui si intende operare. Supponendo di aver fatto tutto questo, iniziare è semplice basta iscriversi a un broker, depositare il capitale ed effettuare il primo trade. Tuttavia, è ancora più vantaggioso aprire diversi conti demo tra vari broker, sfruttando così l’opportunità di provare diverse piattaforme e di elaborare le proprie strategie di trading prima di testarle sul mercato con capitale reale.

Detto ciò, ricordiamo che i profitti nei CFD si ottengono generando una differenza positiva tra il prezzo di apertura e quello di chiusura (o una differenza negativa se si decide di andare short), quindi detraendo le commissioni, i costi di finanziamento e la leva finanziaria rimborsata per ottenere l’atteso ritorno sul capitale. Per i trader che stanno andando long, cioè che sostengono un CFD per far salire il prezzo, il CFD deve diventare più valorizzato nel tempo rispetto a quando l’hanno acquistato, di una percentuale sufficiente a compensare altri costi per ottenere un profitto. Il contrario è vero per le posizioni short, che si basano sul fatto che il prezzo di chiusura sia inferiore al prezzo di apertura per realizzare un profitto.

A proposito di costi, rammentiamo infine che i CFD sono relativamente convenienti per il trading, in particolare se si tratta di trading intraday. Ogni transazione con i CFD viene addebitata dal broker con una commissione, applicata in percentuale al valore totale dell’operazione. Successivamente, i costi di finanziamento vengono applicati al fine di coprire il costo della leva finanziaria su base giornaliera, maturando durante la notte dei costi per le posizioni overnight.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.