Cosa è la vendita con riserva della proprietà

calculator-385506_960_720Il contratto di vendita con riserva della proprietà è uno degli strumenti giuridici a disposizione delle parti che desiderano compravendere un immobile. Si tratta di un contratto particolare, non diffusissimo in ambito nazionale, ma che può condurre importanti vantaggi sia per il venditore che per il compratore.

Più nel dettaglio, per il proprietario vi sarà il vantaggio di mantenere la proprietà dell’immobile fino al saldo del prezzo. Inoltre, le spese di manutenzione e rischio di deperimento del bene sono a carico dell’acquirente. Costui, di contro, può ben opporre l’acquisto ai terzi, può usufruire della disponibilità immediata dell’immobile, e potrà godere del fatto che il carico fiscale è per la maggior parte in capo al proprietario.

Di contro, non sono certo sottovalutabili gli svantaggi derivanti dal ricorso a questa forma giuridica. Tra i principali, il fatto che per il proprietario, in caso di inadempimento dell’acquirente, costui dovrà restituire le rate versate, salvo trattenerne una quota a titolo di equo compenso per l’uso del bene e il risarcimento del danno. Vi è inoltre la necessità di ricorrere alla procedura giudiziale ordinaria in caso di inadempimento del contratto e mancata restituzione dell’immobile, e fronteggiare l’impossibilità di fruire delle agevolazioni prima casa in caso di acquisto di nuova abitazione. Inoltre, come abbiamo avuto modo di vedere, il carico fiscale sarà prevalentemente a suo svantaggio.

Gli svantaggi per l’acquirente sono invece legati al fatto che le spese di manutenzione e il rischio di deperimento del bene sono a suo carico, che l’Iva e l’imposta di registro sono da pagarsi per intero al momento della sottoscrizione del contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.