Cos’è il brainstorming

Il brainstorming è una nota tecnica di problem-solving in cui un gruppo di persone presenta liberamente e spontaneamente le proprie idee, condivide le reciproche visioni e intuizioni, finché non emerge qualcosa di nuovo e unico. La tecnica è concepita in modo che il pensiero critico e negativo, consueto nei contesti di gruppo, sia temporaneamente sospeso in modo che le idee possano fluire liberamente e possano essere espresse senza imbarazzo.

Didatticamente, è A.F. Osborne ad avere il merito di aver inventato la tecnica nel 1941. Osborne ha pubblicato le sue idee nel 1957 in un libro intitolato Applied Imagination. Successivamente, il noto autore Arthur Koestler (famoso per il suo Darkness at Noon) ha delineato il modo in cui l’umorismo, l’invenzione e la creatività artistica derivino tutti da collegamenti insospettabili tra idee e immagini apparentemente diverse, un fenomeno utilizzato nel brainstorming. Quel libro era intitolato The Act of Creation.

Il brainstorming è ampiamente applicabile alla soluzione di qualsiasi problema, qualunque esso sia. E’ usato in problemi legati ad oggetti fisici concreti così come in procedure amministrative molto astratte. Sono tre, comunque, i fattori critici determinano il successo di uno sforzo di brainstorming.

In primo luogo, il gruppo deve sforzarsi di produrre una grande quantità di idee per aumentare la probabilità che la soluzione migliore emerga. In secondo luogo, il gruppo deve avere la certezza di non giudicare le idee così come sono espresse. In terzo luogo, il capogruppo deve creare un ambiente positivo per la sessione di brainstorming e canalizzare le energie creative di tutti i membri nella stessa direzione.

Durante la sessione di brainstorming, nel frattempo, i partecipanti dovrebbero tenere a mente quanto segue. Innanzitutto, l’obiettivo della sessione è quello di generare una grande quantità di idee. L’autocensura è controproducente. Quindi, è bene rammentare che una sessione di brainstorming ha successo quando la grande quantità di idee costringe i partecipanti ad andare oltre le nozioni preconcette ed esplorare nuovi territori. Le discussioni sui meriti relativi delle idee non dovrebbero essere intraprese così come vengono espresse, perché questo rallenta il processo e scoraggia la creatività.

Infine, segnaliamo come l’anzianità e il grado gerarchico dovrebbero essere ignorati durante la sessione in modo che tutti i partecipanti si sentano uguali e si sentano incoraggiati ad essere creativi. Si dovrebbe mantenere un’atmosfera vivace e, quando l’attività è in ritardo, qualcuno dovrebbe sforzarsi di introdurre una prospettiva nuova e sorprendente. Un team di brainstorming potrebbe, per esempio, cambiare il punto di vista e chiedersi in che modo un bambino di cinque anni potrebbe risolvere questo problema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.