Che cos’è la medicina ayurvedica

massaggiNon v’è bisogno di essere degli appassionati d’Oriente per poter entrare nell’affascinante mondo della medicina ayurvedica, anche se sì, inevitabilmente l’interesse verso le discipline orientali potrebbe avere un ruolo di tutta importanza in termini di un approccio più rapido alla questione oltre che di una comprensione più profonda delle dinamiche che regolano la medicina ayurvedica.

Fatto sta che per quanto se ne possa discutere, un dato di fatto emerge chiaro e tondo: questa pratica affonda le sue radici in migliaia di anni or sono, ed il fatto che il trascorrere del tempo non sia servito affinché i suoi insegnamenti venissero celati dalla storia è già un chiaro esempio della sua validità. Naturalmente l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è apprestata ad inserire la medicina ayurvedica tra quelle definite come “non convenzionali”, ma evidentemente questo non è bastato a farla soccombere, anzi, questa disciplina continua a porsi come una delle pratiche spirituali-mediche più utilizzate nel subcontinente indiano.

Per cominciare a capire i canoni su cui si basa la medicina ayurvedica, in realtà, non c’è grande bisogno di mettersi a studiare: sarebbe già solo sufficiente riuscire a capire che si tratta di una pratica secondo la quale la cura di un malanno non vada esercitata nella sua conseguenza fisica, quanto invece agendo sulla causa che lo ha scatenato. Agendo su aree specifiche, eseguendo movimenti ad hoc e servendosi di strumenti ben delineati, questa pratica agisce in profondità per permettere al paziente di trarre beneficio dalla sua applicazione.

I benefici del massaggio ayurveda sono tanti ed anche piuttosto facili da testare. Si va così da una sensazione di rilassamento generale fino ad una funzionalità degli apparati ora più evidente; dal posesso di una maggiore resistenza fisica fino al rafforzamento del proprio sistema immunitario. Per quanto attiene il profilo mentale, invece, il massaggio ayurveda agisce sul rilassamento psicologico, sul potenziamento della concentrazione e nello ristabilire un approccio al sonno molto più sereno di prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.