Forex e Analisi tecnica

analisi forexL’analisi tecnica è l’osservazione dei dati storici sulle oscillazioni di prezzo. Le pubblicazioni di dati possono provocare movimenti di una certa entità sul mercato ed un aumento di volatilità che può stravolgere i trend tecnici nonché i livelli di supporto e resistenza.

Il mercato forex può essere influenzato da altri strumenti finanziari come azioni, obbligazioni e commodities oltre alle pubblicazioni di dati. Un trader capace sa monitorare gli sviluppi sui principali mercati finanziari.

Azioni ed indici azionari possono rivelare molto del mercato e delle sue dinamiche. La fiducia degli investitori nel mercato è un indicatore importante, infatti maggiore è la fiducia più grande è la capacità di rischio.

Che cosa è l’analisi tecnica?

L’analisi tecnica è lo studio dei dati storici sulle variazioni di prezzo attraverso l’utilizzo di grafici che servono a prevedere i movimenti futuri dei prezzi.

I grafici e gli indicatori tecnici applicabili sono strumenti essenziali per i trader. E’ importante conoscere i tipi di grafici ed il funzionamento degli indicatori più comuni per interpretare il mercato e le sue tendenze.

Per il trading sul mercato forex i grafici sono uno strumento di grande importanza. Un grafico forex è la rappresentazione grafica delle variazioni dei prezzi di mercato durante uno specifico periodo di tempo. Esistono molti tipi di grafici, ognuno dei quali aiuta ad analizzare visivamente le condizioni del mercato, a valutare e fare delle previsioni. Quando i trader fanno un’analisi tecnica, solitamente si avvalgono di linee sui grafici e applicano indicatori tecnici per fare delle conclusioni sul trend dei prezzi che abbiano validità nel tempo.

I grafici sono impiegati sia nelle analisi tecniche che in quelle fondamentali. Gli analisti tecnici monitorano i movimenti “micro”, nel tentativo di far combaciare la variazione del prezzo attuale a schemi già noti. L’analista fondamentale tenta invece di scovare una relazione tra la tendenza rilevata sul grafico e gli eventi cosiddetti “macro”, tipicamente di tipo economico e politico.

Tre tipologie di grafico

Le tre tipologie di grafico più conosciute ed utilizzate sono il grafico “a barre”, “a candela” e “lineare”. E’ possibile scegliere quello che meglio si confà alla propria strategia di trading. Ma non è tutto. I trader, oltre a scegliere un tipo di grafico, devono scegliere l’intervallo temporale che desiderano analizzare. Un grafico si presenta composto di diversi punti, barre o candele ed ognuno di questi elementi sta a significare un certo periodo temporale.
In un intervallo di 30 minuti, punti, barre o candele mostrano gli andamenti del prezzo attraverso la rappresentazione grafica dell’apertura, della chiusura e dei prezzi minimi e/o massimi su un intervallo di 30 minuti. I trader possono scegliere e modificare gli intervalli.

Il grafico lineare

Questo grafico è quello meno informativo. I grafici lineari sono utili, in particolar modo, per individuare le tendenze e rappresentano solo il prezzo di chiusura per diversi periodi.

Il grafico a barre

I grafici a barre danno ai trader quattro informazioni essenziali entro un qualsiasi intervallo di tempo: apertura e chiusura, prezzi alti e bassi durante ogni intervallo.
I grafici a barre possono essere visualizzati in molti intervalli diversi, pertanto ciascuna barra può rappresentare le variazioni di prezzo sul minuto passato o sul mese trascorso o anche più indietro nel tempo. I trader utilizzano gli intervalli di tempo in diversi modi, anche se è risaputo che più lungo è l’intervallo, maggiore è la sua valenza, perché i dati considerati sono maggiori e quindi in grado di riflettere ancora più precisamente la “psicologia” del mercato.

Il grafico a candela

I grafici a candela, come quelli a barre, contengono apertura, chiusura, prezzi minimi e massimi di ogni intervallo. Il grafico a candela può anche fornire informazioni e dettagli sul range compreso tra i prezzi di apertura e chiusura di un intervallo specifico. In pratica, se il corpo della candela è colorato di rosso, ciò significa che il prezzo di chiusura è stato più basso di quello di apertura. Se il corpo è verde, significa che il prezzo di chiusura ha superato quello di apertura. Al di sopra e al di sotto del corpo delle candele si possono visualizzare gli “stoppini”. La parte superiore dello stoppino rappresenta il prezzo più alto raggiunto entro l’intervallo, mentre la parte inferiore rappresenta il prezzo più basso.

Per chi volesse approfondire l’argomento, in rete vi sono tantissime risorse pronte a rispondere a tutti i possibili quesiti, basta digitare le parole chiave più utilizzare che appariranno i risultati della vostra query. Esempio: digitando la parola “Forexguida”, potrete ottenere moltissimi suggerimenti listati dal potente motore di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.