Immatricolazioni auto, crescita del 2,1% a giugno

Secondo quanto affermano i nuovi numeri rilasciati da Acea, l’associazione dei costruttori auto europei, le immatricolazioni auto sono in crescita, seppur modesta, nel corso del mese di giugno.

Stando alle più recenti statistiche, infatti, nello scorso mese si è registrato un progresso del 2,1 per cento (UE + Efta); in termini di volumi (circa 1,5 milioni di vetture immatricolate) si è dunque finalmente tornati al livello raggiunto a giugno 2007, prima della profonda crisi che ha interessato anche il comparto automobilistico. A livello geografico, Italia e Spagna hanno contribuito ancora in modo positivo, con incrementi rispettivamente pari al 12,9 per cento e 6,5 per cento, bilanciando la debolezza registrata in Gran Bretagna (-4,8 per cento) e Germania (-3,5 per cento). Con i dati di giugno, il saldo da inizio anno registra così un incremento del 4,6 per cento.

Peraltro, si noti come, ancora una volta, a fare meglio della media di mercato sia stata Fiat Chrysler Automobiles, che ha ottenuto, in Europa, un risultato migliore rispetto alla media continentale. I dati ufficiali Acea sottolineano infatti come nel corso del mese oggetto di considerazione FCA abbia accresciuto le proprie vendite del 7,9 per cento rispetto a quanto non avesse fatto il mercato. Le immatricolazioni di FCA sono state 106.700 per una quota del 6,9 per cento di mercato, in crescita di 0,3 punti percentuali rispetto allo scorso anno. Peraltro, evidenziamo infine come anche nel progressivo annuo la crescita di FCA è stata migliore di quella del mercato, con immatricolazioni nel primo semestre dell’anno pari a 609.100 unità, il 10,5 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2016, in un mercato cresciuto del 4,6 per cento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.