Separatori di gocce: come togliere un fluido dall’aria

sistema di ventilazioneI separatori di gocce sono apparecchiature molto semplici, che sfruttano particolari proprietà fisiche dei fluidi in modo da rimuoverli da un gas. Vengono utilizzati in diversi tipi di impianto, ad esempio nelle torri evaporative, nei sistemi di ventilazione, nei denebulizzatori. Si possono sfruttare anche come separatore di gocce UTA, all’interno di cabine di verniciatura ad acqua o in altre situazioni. I principi di funzionamento di un separatore di gocce sono facili da comprendere anche da parte di chi non ha una specifica preparazione scientifico-chimica.

Come funziona un separatore di gocce

Per capire come funziona un separatore di gocce conviene valutarne prima la forma. Si tratta in sostanza di un pacchetto di alette, a forma di S o di V, poste tutte vicine le une alle altre. Questo oggetto si posiziona all’interno di una più ampia struttura, come ad esempio una torre evaporativa. In questa situazione il separatore è costantemente immerso in un flusso d’aria che contiene piccole particelle di un fluido. L’inerzia delle gocce le porta a sbattere contro le alette del separatore e a condensarsi, per poi ricadere verso il basso. Maggiore è la temperatura del fluido e la velocità con cui viene fatto scorrere sul separatore di gocce, più rapido ed efficace sarà il processo di filtrazione dell’aria.

Separatori di gocce U.T.A.

U.T.A. è l’acronimo di Unità di Trattamento dell’Aria. I separatori a gocce utilizzati in questo tipo di unità sono per lo più sfruttati per rimuovere l’eventuale acqua presente nell’aria. Si pensi ad esempio alle torri di evaporazione degli impianti industriali, come ad esempio una grande cartiera o un impianto in cui siano presenti cabine di verniciatura. In questi casi l’aria che viene veicolata verso l’esterno deve essere la più secca possibile; questo infatti limita la presenza di ampie nuvole di vapore al di sopra della torre, evita che all’interno della torre si sviluppino batteri o funghi, consente di raccogliere l’acqua per poterla poi riutilizzare. A tale scopo al di sotto della torre di evaporazione sono presenti delle vasche di raccolta, che permettono quindi di risparmiare sulle richieste idriche dell’intero impianto industriale.

Perché si utilizzano i separatori di gocce

I separatori di gocce sono prodotti a partire da una lega leggera o, più comunemente, dal PVC. Questo materiale consente di produrre separatori a prezzi del tutto concorrenziali, che possono essere sostituiti senza eccessivo impatto economico sull’attività aziendale. Inoltre il PVC utilizzato impedisce la proliferazione batterica ed è autoestinguente. Questi oggetti si usano quindi perché sono leggeri, compatti e anche molto economici. Il principio del loro funzionamento porta a non dover utilizzare ulteriori filtri o apparecchiature per deumidificare un gas. Inoltre hanno una grande resistenza alle sollecitazioni e sono costruiti in modo da poter essere utilizzati in modo versatile: sono costituiti in moduli che permettono di costruire separatori delle dimensioni desiderate, senza dover richiedere produzioni personalizzate. La manutenzione è minima e questo tipo di filtri resistono ad una grande varietà di sostanze chimiche e all’aggressione da parte di batteri, muffe o funghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.