Studente fuori sede, ecco come prepararsi all’Università

Quando ti allontani da casa per la prima volta, la tentazione può essere quella di trovarsi spaesato o di comprare assolutamente tutto ciò di cui potresti aver bisogno. Tuttavia, pensa attentamente a ciò che porterai con te, in particolare quando si tratta di utensili da cucina – ad esempio, un nuovo forno a microonde / tostapane / bollitore è davvero necessario se le tue sale o gli alloggi privati dell’Università o la casa nella quale andrai in affitto magari lo forniscono già?

Detto ciò, cerca di organizzarti con un tuo conto corrente bancario, che possa garantirti un rapporto di deposito a ottime condizioni (meglio se gratuito) e almeno una carta di debito e un servizio di internet banking. Per far ciò oggi non hai più bisogno di recarti in una banca fisica, considerato che ci sono banche online ad hoc per questo, ma se preferisci un consulente a tua disposizione per poter risolvere qualche problema o qualche altra esigenza di natura creditizia, meglio puntare su una filiera bancaria vicina al tuo luogo di domicilio o di studio.

Detto ciò, pare che quattro studenti fuori sede su dieci dichiarino di aver trovato più difficile del previsto gestire i loro soldi. Dunque, cerca di stilare un budget molto chiaro delle spese che dovrai affrontare: condividilo naturalmente con le persone che magari ti sosterranno, come i tuoi genitori, e vedi con loro che cosa sia possibile realmente fare, e che cosa invece potrebbe essere il caso di tagliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.