Cosa succede dopo il brainstorming?

Qualche giorno fa ci siamo occupati di brainstorming, e abbiamo cercato di capire come si possa effettuare e quali siano i risultati che si possono ottenere. Ma che cosa accade dopo il brainstorming?

Dopo che la parte di brainstorming dell’incontro è stata completata, il leader o il gruppo dovrebbe organizzare tutte le idee in categorie correlate per stabilire le priorità e valutare ciascuna di loro. Queste liste possono poi essere valutate e modificate dal gruppo in base alle necessità, al fine di stabilire una linea d’azione da seguire. Dopo la conclusione dell’incontro, può essere utile inviare ai partecipanti una copia delle liste di idee per farli riflettere sull’argomento in discussione. Il moderatore del gruppo può chiedere ai membri di segnalare e di offrire tutte le idee che potrebbero avere sull’attuazione del piano.

Detto ciò, è bene rammentare che in realtà vi sono diverse varianti sul tema di base di brainstorming. In ”brainwriting”’, ad esempio, i membri di un gruppo scrivono le loro idee su carta e poi scambiano le loro liste con gli altri. Quando i membri del gruppo condividono le idee dell’altro gruppo in questo modo, si finisce spesso con l’arrivare a nuovi approcci innovativi. Un’altra possibilità è quella di fare brainstorming attraverso una bacheca, che può essere appesa in una sede centrale dell’ufficio o su una rete di computer. La bacheca è incentrata su un argomento o una domanda di base, e le persone sono incoraggiate a leggere le risposte altrui e aggiungere la propria. Un vantaggio di questo approccio è che mantiene il problema in primo piano nella mente delle persone.

Infine, è anche possibile eseguire brainstorming in solitario. In questo approccio, una persona scrive almeno un’idea al giorno su una scheda di indice. Alla fine lui o lei può guardare tutte le carte, mescolarle e combinare le idee.

Come abbiamo visto, non esistendo un unico modo per poter fare brainstorming, non esiste nemmeno un percorso che possa essere valido e preferibile per tutti. Cercate pertanto di comprendere che cosa funzioni meglio all’interno della vostra organizzazione, e fateci sapere che cosa avete ottenuto di buono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.